Home              SFOGLIA IL GIORNALE                  CONTATTI

TARCISIO PAGLIONI

IL VERDICCHIO DOC

Io che sono un piccolo e modesto produttore

ne voglio dedicare un madrigale.

Mi trovo al centro della zona dove se ne produce d’ottima qualità

e credo che in Italia de minore non ce stà!

Il Verdicchio è un vino talmente privilegiato

tanto che un tale qui vicino il premio “Mijor del Mondo” ha meritato!

E’ stato definito un ottimo alimento

non solo una bevanda salutare,

anzi, se alzi troppo il gomito te fa pure barcollare!

Il classico Verdicchio è un esclusiva delle Marche

pertanto non si trova da nessun’altra parte!

“Cru” l’ha qualificato il famoso intenditore Luigi Veronelli

il classico di Jesi prodotto dei Castelli.

Fra i quali che gareggia è la cittadina di Cupramontana

che detiene na gran fama da un’epoca lontana!

C’è Apiro, Staffolo, Rosora e Castello

Montecarotto, Maiolati e pure Poggio San Marcello!

Credo che la gente mi comprenderà se da ste parti

bene ne ho parlato ma credete è tutta verità

po’ lasciatemelo dì, “qua io ce so nato”.

A scrive me so stufato e chiudo con un detto antico

questa però non è mia me l’ha suggerita n’amico:

lo disse Noè, lo confermo Petrarca

le venne il ticchio di assaggiare il nostro buon Verdicchio!

Aggiungo pure che se non v’è piaciuta sta storiella

pazienza, tra qualche anno ne scriverò un’altra più bella

 

IL LAVORATORE DELLA TERRA

 Lo sapevate come lo chiamavano na volta?

El contadino, dalle scarpe grosse e dal cervello fino!

Ma oggi le cose so’ cammiate,

pur restando pur restando per i campi molte ore,

un pochino è minorato, non ve pare?

L’ han battezzato agricoltore:

anche perché per fare vari lavori dopra ‘ltrattore,

e per rende la fatica meno dura,

s’è procurato parecchia attrezzatura.

       Ma non per questo che sia più intelligente,

sci mangia e veste anche be’,

e se confonde un po’ mejo tra la gente;

usa meno la polenta e poche de patate,

indossa n’bel vestito e le scarpe pure lucidate.

      E quando va’ l mercato

A pagà ?lconto dell’attrezzi ch’ha comprato,

se ‘ncontra co’ namico che je dice:

agricoltore viè qua c’avemo da fa na chiacchierata,

recontece ‘npò e resoconto dell’annata?

Che voi sapè, dell’andamento dà raccolta?

No, non c’ho tempo, oggi v’ di fretta,

la chiacchierata a famo n’antra volta.

     E io che diversi n’ho fatti di mestrieri:

ho fatto ‘lmuratore, ‘lfalegname e pure ‘npò ‘lfattore,

ho fatto l’operaio quasi fino a ieri

insomma c’ho provato a varcè ‘lfosso

ma ho visto che dappertutto poi c’è l’osso.

E allora? Allora eccome qua,

me so travato a lavorà la terra,

almeno quella pè annulla a lavorà

non c’è bisogno de la guerra

e manco te devi tanto ‘rcomannà,

tanto meno de na spintarella.

    Qualcuno dice che la vita è pure bella

A vivela in campagna,

almeno respiri l’aria bona

sci, ma poco o niente se guadagna,

 infonno che ce importa

quann’el mezzogiorno sona

basta che se magna.

     Noi semo gente semplice

Sapemo vivere alla bona,

i soldi se li tenga chi ce l’ha

a noi ce basta la salute e ‘npò di felicità

che c’accompagni fino alla soglia dell’eternità

 

 

Copyright (c) 2010 StudioPhoto. All rights reserved.