Home              SFOGLIA IL GIORNALE                  CONTATTI

POETI ANONIMI E VARI

1-2-3

Questo è un pezzo "storico"

SERRA di Marcello Maiolatesi

C’è se dice da tant’anni

Serra è ‘n postu de malanni

Si non pioe non ce sta calma

Son’a mortu pe na salma.

 

Tutto questo non ce nòce

‘o dicemo a piena voce

Fattu è che stu paese,

soprattutto de stu mese,

ce se rempe de turisti.

 

Ci sta quilli che s’è visti

E ci sta ‘nchi ‘e facce nòve.

Quistu è u fattu che commove:

e ‘na prova da bontà

dì Serrani che ce sta!

 

Què, no so che in mezzo chi

più de uno sta per dì:

proprio te ce fai leziò?

Quenne sai? Si da Staziò!

 

Ma finemola sta guerra

E parlamo ‘n pu de Serra.

Chi, da bella naturale

Ce s’è tanto, senza uguale:

 

Ci sta a piazza, u monumentu,

c’è e scalette, c’è u cunventu,

c’è Piedaspri, c’è a pineta

do’ ce giri senza meta

pe’ potette ricreà

co’ l’arietta ce ce sta.

 

Su a Pianella….pu…”n’amore” :

tutto zitto, mai rumore.

Si chi  ‘n piazza gna fai a sta’,

vai lassù pa respirà.

 

Chi de noi nn c’è mai stati,

quanno s’era fidanzati?

Si potesse parlà i pini,

Certo ce farìa…carini!

 

Da qualcuno che chi sta

Sento dì: “so de città!”

Se sicuro che je tocca

Vinì chi a spuzzasse a bocca!

 

Chi, ce trovi ‘l ben di Dio,

sta’ a sintì, te dico io:

L’acqua bona nun se trova

come c’è su Fontenova.

 

Pe a pizza genuina,

devi gi da Giovannina.

Casciò, pasta e p’a farina

Ci sta sempre Caterina.

 

Se co a frutta non vòi guai

Va ‘a fa spesa da Ciu En Lai.

Pe u prisciuttu tutti i mesi

Poli gi giò da Montesi.

 

Mapel pa', to dico mo,

Va giò u fornu de Però.

E’ pel vino ch’è dulori !

Sci ch’è trovi, e a du colori

Biango o roscio ch’i comprato,

sta sicuru ch’è ‘nnacquato!

 

E si dopo avè  magnato

I dolori t’ha ‘cchiappato,

pe’ e pasticche e pe' i chinini

basta gi su da Branchimi !

 

Ma si a cura ‘nte fa effetto

Sta tranquillu…c’è…Maretto!

Si te sòna l’ora già,

che te tocca gi de là

te ce porta, e…non se sgappa,

con l’aiutu de Falappa.

 

Si tu ciai necessità

D’altra robba de cumprà

Trovi tutto eccolo qui:

pe le scarpe c’è Marì,

 

quanno e scarpe s’è sfonnate

da Scimicche viè portate!

chiodi plastica e vernige

basta gi giò da Felice.

 

Da Jolanda pe i giornali

Da Clurinda pe l’occhiali.

Si te serve ‘na tivù,

proprio Bruno ‘e mette su!

 

Proprio gnente nun ce manca

C’emo ‘e chiese, c’emo a banca,

c’è Don Decio, che non pesa

manco a chi non va giù a chiesa:

pe a bontà, vo dico io,

è secunnu solo a Dio.

 

Pure a musica…chi…c’è:

ce sta a banda del Lorè.

Ma ce manca…e questo è strano,

un bel sindaco…nostrano!!!!

 

C’è da di dell’abitanti:

gente bona, tutti quanti.

Ce conosce dappertutto

Pe ste cose soprattutto:

ce piace da magnà

un pu più a be’ che a…fadigà!

 

Semo gente con a pecca,

pure a gola ce se secca,

ce diventa i labri fini

pe’ dì male d’i vicini.

 

Certo. Sci, semo ‘n pu strani….

Gna fa gnè…semo SERRANI !!!!!

 

 

 

Copyright (c) 2010 StudioPhoto. All rights reserved.